Scienza

Hyperloop Alpha: Prove tecniche di futuro

Sembra quasi un progetto tirato fuori da quei film di fantascienza degli anni 50, quando si pensava ad un ventunesimo secolo, molto più all’avanguardia di come in realtà si sarebbe poi realizzato. Non è una linea ferroviaria, non è la TAV su cui tanto si discute oggi, è il progetto di una nuova tecnologia di trasporto ad energia pulita, messo a punto da Elon Musk; imprenditore sudafricano, già fondatore di “Tesla Motors” e della più conosciuta “PayPal“.

Cos’è?

hyperloop3

La linea sarebbe in grado di coprire una distanza di 600 chilometri o poco più, nel tempo di trenta minuti, viaggiando alla velocità di 1200 km/h.

Il sistema è una capsula dentro la quale si entra in tre passeggeri per volta, questa capsula si muove su un cuscino d’aria all’interno di un sistema di tubazione, ed è spinta da un propulsore alimentato da decine di migliaia di cellule fotovoltaiche situate sopra a queste tubature.

musk-hyperloop-sketches

Il progetto è Open Source ciò significa che chiunque abbia in mente proposte o voglia semplicemente muovere un appunto può farlo liberamente ad uno dei due indirizzi e-mail dedicati: hyperloop@teslamotors.com oppure hyperloop@spacex.com

Costi di produzione

In termini di budget si prende come esempio la tratta San Francisco – Los Angeles, dove andrebbero spesi intorno ai sei miliardi di dollari, bruscolini se consideriamo i settanta miliardi di dollari necessari per il rimodernamento delle linee ferroviarie già presenti.

elon-musk-hyperloop-design-537x303

Conclusioni

Per tanti è una trovata fuori luogo, per altri è “ancora troppo presto“, ma lo si disse anche agli inizi del novecento riguardo le prime automobili e le prime forme di aeromobili. Questo Hyperloop, guardando con occhi ottimisti al futuro, ha ampie possibilità di diventare il precursore di una nuova frontiera dei trasporti ad energia pulita, e chissà che un giorno, sviluppando anche con il supporto delle basi di questo progetto, non nasca la possibilità di collegare tra loro i continenti, in modo tale da semplificare e rendere accessibile a chiunque gli spostamenti su scala intercontinentale.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.